No comments yet

Week 1 Preview – Packers @ Bears

Football is back! Finalmente la nostra più grande passione è tornata ad allietare le nostre domeniche ed è il momento di analizzare la prima uscita stagionale dei Green & Gold, in questo nuovo format (grazie all’aggiunta dell’injury report) studiato per meglio approfondire ogni appuntamento stagionale. Come potete notare quindi grazie a quest’ultima iniziativa potrete essere sempre aggiornati sullo stato del roster della franchigia di casa nella Titletown, e soprattutto il preview è stato spostato da sabato a domenica in modo quindi da poter analizzare il tutto più dettagliatamente e con un quantitativo di informazioni ben maggiore.

Come ben saprete i Green Bay Packers sfideranno i Chicago Bears all’interno del Soldier Field in quella che si spera possa essere un nuovo modo di iniziare la regular season: vincere. Già, perché i verde-oro non vincono una season opener da tre anni e questo genere di “false partenze” è costato molto alla formazione della Titletown negli anni recenti.

Ma in che condizioni le due squadre si apprestano a scendere in campo? Scopriamolo! Per i verde-oro i nominativi da tenere sotto stretta osservazione sono sostanzialmente due: Morgan Burnett e Sam Barrington. Entrambi sono in stato di questionable, con il primo che non si è allenato per tutta la settimana a causa di un problema al polpaccio ed il secondo che si è allenato in limited per un fastidio alla caviglia. Sembra difficile quindi che il primo scenda in campo, maggiori possibilità invece per il secondo. In caso di assenza di Burnett il primo nominativo sulla lista è quello di Micah Hyde. Difficile invece trovare un sostituto che possa prendersi le responsabilità di Barrington, soprattutto in quanto a comunicazione e leadership nella posizione di ILB. Speriamo che entrambi possano scendere in campo vista la loro importanza per la difesa guidata da Dom Capers.

Molto più complicata la situazione della formazione di casa. Il problema principale è rappresentato dal receiving group. Kevin White non sarà ovviamente disponibile dato che rischia di saltare tutta la stagione, mentre Alshon Jeffery e Eddie Royal si sono allenati in limited per tutta la settimana e sono in stato di questionable. Per il resto è da segnalare il CB Tracy Porter, dichiarato out a causa di un problema al tendine del ginocchio.

Partendo dall’analisi della difesa bisognerà quindi fermare prima di tutti Matt Forte e Martellus Bennett. Il RB e il TE saranno certamente le prime armi cui si affiderà Jay Cutler, in particolare il primo come al solito anche grazie alle sue ricezioni “out of the backfield”. Per questo, e anche in chiave Bennett, la presenza di Barrington sarà fondamentale. Forte negli ultimi anni si è sempre affermato come uno dei back più completi della NFL e ha bene o male sempre trovato ottime prestazioni contro i Green & Gold. Se verrà fermato le possibilità di vittoria incrementeranno sensibilmente.

Un importantissimo fattore chiave sarà inoltre la secondary. Jay Cutler contro i Packers ha un record di 1-11 con ben 22 intercetti sulle spalle. Con le partenze di Tramon Williams e Davon House bisognerà affidarsi ai nuovi innesti, e anche al nuovo ruolo di Casey Hayward. Sam Shields ha già intercettato il numero 6 dei Bears, mentre il trio composto da Hayward, Quinten Rollins e Damarious Randall ha dato prova di avere le abilità di “ball hawking” che potrebbero tornare utili in questo aspetto. Anche LaDarius Gunter potrebbe dire la sua, in particolare dopo l’intercetto in pre-season ai danni di Jimmy Garoppolo e l’ottimo training camp che è riuscito a tirare fuori.

Il vero, e sicuramente maggiormente pregnante, punto di domanda sarà la linea difensiva. Senza Datone Jones e Letroy Guion a causa delle rispettive sospensioni bisognerà affidarsi alle presenze di BJ Raji per fermare le corse e di Mike Daniels nel tentativo di aiutare i rusher. Su questo secondo aspetto dovranno soprattutto riscontrare vantaggio giocatori come Julius Peppers, Clay Matthews (ove utilizzato per l’appunto come rusher) e chissà, io oserei dire anche Jayrone Elliott. Quest’ultimo ha fatto vedere fantastiche qualità in tal senso e nelle ultime due pre-season è stato devastante quando ha ricoperto questo delicato quanto importante ruolo. Non mi stupirei se ricevesse qualche occasione, e sarei felicissimo se riuscisse a trarne i frutti.

Passando all’attacco il principale punto di domanda sarà James Jones. Riuscirà il giocatore a comunicare come dovrebbe con Aaron Rodgers? Il suo contributo risulterà determinante ai fini del risultato finale? Si spera ovviamente che la risposta sia positiva, e le possibilità che la cosa si avveri sono decisamente alte.

Mike McCarthy ha inoltre parlato di “partenza forte” e di non voler lasciare partite per strada. Le sue ultime “pepate” dichiarazioni confermano questa linea di pensiero, quindi la domanda sorge spontanea: quanto carico di lavoro per Eddie Lacy? Con l’infortunio di Jordy Nelson viene spontaneo credere che il numero 27 verrà sfruttato molto, soprattutto per accumulare yard e controllare l’orologio, ma la storia recente (in particolare l’anno scorso) insegna che l’head coach Green & Gold vorrebbe “conservare” il proprio running back per il football di dicembre e gennaio. Si arriverà ad un compromesso o si correrà il rischio? Io opterei per la seconda, vuoi come detto per l’infortunio di Nelson, vuoi per quanto queste partite sono costate l’anno scorso (e scusatemi se sono ripetitivo).

Poco da dire sul resto del reparto. La linea offensiva è in salute, si è allenata per tutta la settimana e la cosa dovrebbe favorire il gioco dell’MVP. Qualche dubbio affligge la questione Randall Cobb, ma personalmente non credo ci saranno grossi problemi. Mi aspetto di vedere molto da parte di Davante Adams, e speriamo che questo possa davvero essere l’anno del breakout per lui. Perché quest’ultima affermazione? Soprattutto grazie alle dichiarazioni in off-season di Aaron Rodgers e Mike McCarthy. Il primo ha infatti sottolineato i passi in avanti del numero 17, mentre l’head coach gli ha affibbiato il “premio” di MVP dell’off-season. È quindi su queste basi che mi aspetto di vedere molto da parte di Adams.

Un’altra mia personale curiosità è suscitata dai ricevitori numero 4 e 5. Ty Montgomery, nuovo arrivato, e Jeff Janis, alla prima possibile vera presenza. Questi due giovani ragazzi potrebbero essere il futuro del receiving group e chissà che non possano davvero essere l’ago della bilancia per la partita a tinte verde-oro. Che Rodgers possa a partita in corso tentare, in combinata con Janis, una di quelle famose big play che riusciva a realizzare con Nelson? E chissà, verranno in qualche modo sfruttate le esplosive gambe di Montgomery? Ultimo aspetto, ma non per importanza, gli special teams. Speriamo che il reparto di Ron Zook si dia una sonora svegliata affinché quanto visto l’anno scorso non si ripeta, mai più.

Insomma tante domande per una stagione che finalmente è arrivata. Tanti mesi di vera e propria agonia causata da totale assenza di football stanno per concludersi tra pochissime ore. Da quest’anno ho deciso di spostare il preview alla giornata di domenica soprattutto grazie all’aggiunta dell’injury report, in modo da potervi offrire un’analisi più attenta, dettagliata e assennata. Spero di riuscire in questo intento nel corso della stagione. Nel frattempo non posso che augurarvi buona stagione dal più profondo del cuore. Finally football is back baby!

Post a comment